Epilatori laser economici: quali scegliere? Guida ai prodotti, consigli di valutazione, prezzi

Epilatori laser per uso domestico

Se vogliamo scegliere un’epilazione soddisfacente per ogni area del nostro corpo, possiamo comprare gli epilatori laser per uso domestico. Questi sono realizzati ad hoc per ogni parte del nostro corpo, parliamo di inguine, zone intime, gambe, braccia, parti del viso e ascelle.

Ovviamente in un centro estetico, la resa finale è di alta qualità, ma il costo delle sedute è decisamente alto per aree grandi del corpo.

Possiamo raggiungere più o meno lo stesso effetto, affidandoci a epilatori laser per uso domestico, con base. Questi a differenza di quelli con la batteria, presentano un apporto energetico maggiore, che gli permette delle prestazioni elevate.

Inoltre anche se l’epilazione non sarà mai fatta così approfondita come nel caso di sedute professionali, avremo anche con epilatori a batteria dei risultati molto buoni. Più il prezzo sale, più ovviamente le prestazioni migliorano, come anche i materiali. Ma ci sono modelli, che rientrano nella media, i quali ci permettono di avere una pelle liscia e morbida per almeno tre mesi.

Modelli economici ma di qualità

I modelli di epilatori laser economici, ovvero che rientrano nella prima fascia di prezzo che va dai 60 ai 100 euro all’incirca, sono comunque sia di qualità. Il costo più ridotto spesso è dovuto alla superficie della lampada, o in senso più generale alle dimensioni del prodotto.

In questa fascia di prezzo, troviamo modelli del marchio Imetec, Panasonic e non solo.

Marchi di estrema qualità: Braun e Philips

I marchi Braun e Philips rappresentano una forte garanzia sulla qualità e sul livello alto delle prestazioni. Potremmo dire che per quanto riguarda questi due marchi, esistono delle sottocategorie di prezzo. In linea generale esistono tre fasce di prezzo, potremmo dire. La prima che arriva entro 100 euro circa, la seconda che non supera circa 300 euro, ed infine un’ultima fascia che può anche andare oltre i 600 euro più o meno. Ma se prendiamo singolarmente Braun e Philips, avremo al loro interno altre due fasce di prezzo. Una che va dai 300 euro circa ai 500 più o meno, e una fascia di prezzo altissima che può arrivare a sfiorare cifre considerevoli. La nostra pelle può rimanere liscia per anche otto mesi, un tempo record, tutto da casa, senza dover fare sedute in un centro estetico.

Epilatori economici per parti intime

Molte persone optano per avere una pelle liscia e pulita, anche nelle zone intime, per l’epilazione laser. Questa è pulita, spesso indolore, rapida e dona dei risultati unici che durano nel tempo.

Possiamo spendere entro i 30 euro circa, ed ottenere modelli di ottima fattura per zone intime, che fanno parte di marchi buoni, come Imetec e Panasonic. Qui troviamo un buon rapporto qualità prezzo. Inoltre un altro marchio che consiglio molto è Baivon. Questa azienda presenta modelli di epilatori a luce pulsata, soprattutto per il viso molto interessanti. Infatti questi modelli sfruttano una luce calda e molto morbida, per rompere quasi definitivamente il ciclo della ricrescita dei peli.

Parlando sempre degli stessi modelli, questi epilatori sono in grado di  interrompere anche completamente, la ricrescita del pelo. Questo trattamento potrebbe però richiedere molto tempo, e dobbiamo avere pazienza e dedizione. In particolare parliamo di circa 2 o 3 mesi.

Fattori da considerare al momento della scelta

Sia che vogliamo acquistare un prodotto laser costoso che economico, bisogna essere a conoscenza di quali elementi vanno presi in considerazione.

Prima di tutto una cosa fondamentale, è scegliere un epilatore che sia adatto alla zona del corpo che desideriamo trattare. Se ad esempio dobbiamo fare un’epilazione su una zona del viso, ci preoccuperemo di trovare un epilatore con l’adeguata struttura, e superficie. Quest’ultima infatti deve essere rapportata alla porzione di pelle oggetto del trattamento. Non prendiamo mai una superficie troppo grande, i risultati potrebbero essere dannosi.

Bisognerebbe inoltre comprare un epilatore che abbia dei sistemi di sicurezza, ovvero dei sensori di contatto ad esempio della pelle. L’epilatore che li possiede, nel momento in cui si attiva il processo, riconosce se la pelle è adeguata a quello specifico trattamento. In caso negativo, l’epilatore, attraverso il lavoro di riconoscimento dei sensori di contatto, si spegnerà. Gli epilatori più sofisticati, presentano invece un blocco sicurezza. Nel momento in cui risulta errata la password iniziale per attivare il dispositivo, l’epilatore si blocca e poi in automatico si spegne.

Un altro aspetto da considerare è senza dubbio, la portabilità dell’epilatore. Se abbiamo bisogno di comodità e mobilità durante il trattamento, si consiglia un epilatore a batteria a ioni di litio. Queste batterie specifiche permettono che nel tempo i trattamenti, mantengano sempre delle alte prestazioni energetiche.

Epilatore con base

Se invece vogliamo ottenere un effetto molto simile a quello delle sedute in un centro estetico, possiamo optare per l’acquisto di un epilatore con base. Quando parliamo di questa tipologia specifica, escludiamo di spendere poco. Questi dispositivi sono nella maggior parte dei casi molto professionali.

Funzionano per lo più tramite diretta alimentazione elettrica, questo permette all’epilatore di immagazzinare un’energia molto alta. Per tale motivo, le prestazioni di questo epilatore sono alte. I tempi per rimuovere i peli anche: 45 minuti per le gambe ad esempio. Poi ovviamente ogni epilatore ha un suo tempo specifico, per arrivare al risultato desiderato. Inoltre è consigliabile una rifinitura, per far durare di più l’effetto del trattamento. Esistono epilatori del marchio Braun, che costano circa 500 euro, i quali fermano la ricrescita del pelo di più di sei mesi.

Diversi tipi di laser

Un’altra cosa da sapere, è che non tutti gli epilatori producono lo stesso laser. Esiste ad esempio il laser a diodo, il quale è quello più forte e per questo, il più frequente da trovare. Funziona principalmente su pelli molto chiare con peli molto scuri. Non è adatto a carnagioni scure o a pelle abbronzata. In questi casi sono consigliati altri tipi di laser, come quello ad alessandrite ad esempio.

Luce pulsata o laser?

La grande differenza tra luce pulsata e laser, risiede nel fatto che il primo metodo addormenta il bulbo pilifero, o ne blocca la crescita, mentre nel secondo caso la radice del pelo viene totalmente bruciata.

Però c’è da dire che alla fine entrambi i metodi possono essere considerati sullo stesso piano, la scelta tra i due è meramente soggettiva. C’è chi predilige la luce pulsata in quanto la trova meno aggressiva, e chi preferisce il laser in quanto ha un risultato maggiore, e viceversa. Molti marchi offrono sul mercato epilatori che sanno soddisfare la richiesta di queste due tipologie di trattamento.

Studentessa universitaria di Filosofia, amante della scrittura, della lettura e di tutto ciò che attiene all’uomo nelle sue varie sfaccettature. Ha lavorato alla correzione di articoli a carattere culinario e scientifico, e all’editing di parte di un testo di natura filosofica.

Back to top
menu
sceltaepilatorelaser.it